top of page

MA QUANTO COSTA AVERE UN CONSULENTE FINANZIARIO INDIPENDENTE?

Molti commenti che riceviamo sulla nostra pagina Facebook ci indicano che molte persone vorrebbero avere il supporto di un professionista che sia veramente indipendente e che persegua realmente gli interessi del risparmiatore; però molti temono di non potersi permettere il costo di questo tipo di consulenza finanziaria altamente qualificata.


E’ ovvio che tutti preferiremmo avere il meglio: è più che sensato rivolgersi a chi ha accumulato in decenni di attività professionale un know-how ed una esperienza qualificata.


Se ad esempio devi subire un intervento medico, sicuramente è preferibile che il medico che ti deve operare abbia competenze ed esperienze; non credo che ti affideresti al primo dottore appena laureato che è in ospedale per fare un tirocinio; giusto?



Analogamente, se desideri proteggere e valorizzare i tuoi risparmi, il capitale che sei riuscito a mettere da parte con anni di duro lavoro e sacrifici, non vorresti affidarli ad un consulente bancario qualsiasi che ha come unico scopo quello di piazzare i prodotti che la sua banca gli ha ordinato di vendere; in genere non conosce neanche “cosa c’ è dentro” al prodotto che deve vendere per ”meritarsi lo stipendio”.

Il suo mestiere (una volta veniva indicato come “promotore”: era più corretto, dato che in effetti il ruolo del dipendente bancario è quello di promuovere la vendita di un prodotto) è quello dell’ addetto commerciale; la formazione che riceve dalla banca è finalizzata alla vendita, non all’ analisi dei meccanismi finanziari e dei processi decisionali che portano a consigliare un tipo di investimento piuttosto che un altro.


La Commissione Europea ha proposto una variazione alla normativa, che attualmente consente ad esempio che i Fondi Comuni paghino la banca che “li piazza” (poi la banca retrocede una parte di questi importi ai suoi consulenti – piazzisti - da cui il nome “retrocessione” che caratterizza questo meccanismo che danneggia l’ investitore): di fatto si “piazzano” i Fondi ed i prodotti finanziari che fanno guadagnare di più la banca ed in genere i “venditori”.


La proposta della Commissione Europea abolirebbe questa distorsione che danneggia gli investitori ed è stata finora adottata solamente dall’ Olanda, in ambito UE.

Le lobbies bancarie di tutti gli altri Paesi, Italia inclusa, invece si oppongono strenuamente.


In più molti Fondi prevedono pesanti commissioni di gestione: significa che il risparmiatore paga una percentuale su quanto ha investito, anche se il suo investimento è in perdita. Oltre al danno subisce la beffa.


Non a caso gli strumenti finanziari peggiori sono “costretti” a pagare maggiori commissioni (chi si prende la briga di verificare presso i tanti siti che riportano rating e “classifiche” ovviamente non sceglie i peggiori…).


Quindi di fatto viene purtroppo fatta una selezione al contrario: spesso vengono “spinti” (le tecniche di vendita insegnate ai cosiddetti consulenti dipendenti delle banche non a caso si chiamano “push”, che significa appunto “spingere”) i prodotti che pagano più commissioni, proprio perché se si affidassero ai risultati che hanno ottenuto ed ottengono non riuscirebbero ad abbindolare gli investitori.

Si veda a proposito un esempio qui, pubblicato oltre due anni fa sul mio blog:



I fondi H2o, poco prima del crollo che ne fece dimezzare il valore, pagavano a banche e a consulenti finanziari - ben poco indipendenti - commissioni (retrocessioni) elevatissime, fatto per cui la “raccolta” fatta dai vari addetti commerciali fu molto elevata…

ma poco dopo le quotazioni crollarono ed una parte delle somme presenti nel Fondo è tuttora bloccata.

Eppure autorevoli agenzia di rating avevano “sbattuto fuori” questi fondi già nel 2019, data la loro pessima qualità ed i precedenti del gestore.

Quindi i vari “venditori” avevano modo di sapere che il “prodotto” non era di buona qualità… ma pagava bene.

Attualmente è in corso una azione legale (con ben poche speranze di successo), che tenta di tutelare gli investitori che – SENZA SAPERLO – a suo tempo si sono fatti convincere ad investire in questa “Cascata d’ acqua”, che ha fruttato guadagni solo ai suoi piazzisti.

Se non fosse stato consentito che venissero pagate retrocessioni elevatissime ai venditori tutto ciò non sarebbe accaduto.


Nonostante questo ed altri precedenti, la lobby bancaria e dei consulenti-promotori si è sollevata contro questa evoluzione a favore degli investitori (già applicata peraltro ad esempio in Gran Bretagna ed in Olanda), prendendo a pretesto il fatto che andrebbero persi molti posti di lavoro… ma se davvero i consulenti facessero i consulenti, se fossero davvero preparati, ovviamente ciò non accadrebbe.

La verità è che l’ Industria del Risparmio Gestito non è disposta a perdere questa importante forma di guadagno, anche se distorce e peggiora il servizio reso ai risparmiatori.

Torneremo in merito a questo argomento ed ai suoi sviluppi; vedremo come andrà a finire, ma non illudiamoci: le banche sono molto potenti e possono avere molta influenza anche sul potere politico.

Passiamo adesso ad una buona notizia:


con Rodnik Financial non devi preoccuparti più del costo della consulenza; inoltre puoi essere certo che ti verranno consigliate forme di investimento efficienti


Rodnik offre ai suoi clienti una consulenza INDIPENDENTE, QUALIFICATA e PROFESSIONALE e potrai pagarla SE e SOLO SE otterrai i risultati che avrai pianificato con noi in fase di consulenza.


Sì, hai letto bene. Rodnik fatturerà il costo delle sue prestazioni solo se raggiungerai i risultati di investimento preventivamente concordati con i nostri analisti.


Nessun importo sarà dovuto a Rodnik prima del raggiungimento dell'obbiettivo prefissato.

Questa è una strategia nella quale tutti vincono:

c'è una convergenza di interessi; tu puoi usufruire dei migliori esperti sul mercato, che hanno lo stesso tuo interesse a che le cose vadano nel migliore dei modi.


Infatti Rodnik NON RICEVE alcuna forma di compenso da banche o da fondi comuni, quindi il suo interesse coincide con l’ interesse dell’ investitore.

Quindi, adesso che hai capito che puoi avere al tuo fianco un vero consulente finanziario indipendente che può consigliarti al meglio, cosa aspetti a contattarci (via email o telefono) per scambiare due parole sulle tue esigenze e su come possiamo darti soluzioni efficaci?

Non ti costa nulla.


Un saluto.


Dott. Paolo Oliveri

Rodnik SA - CEO

Comments


bottom of page